IMPERO BRITANNICO. IL PIU’ GRANDE IMPERO DELLA STORIA

L’Impero Britannico è stato il più vasto Impero della storia umana. Nel momento della sua massima estensione, nel 1920-21, si estendeva per più di 37 milioni di chilometri quadrati, circa un quarto di tutte le terre emerse del nostro pianeta, e contava 458 milioni di sudditi, cioè un quarto della popolazione mondiale dell’epoca.
In occasione delle prime concessioni dell’indipendenza ad alcune colonie, sorse nel 1926 l’organizzazione del Commonwealth delle Nazioni, con l’obiettivo di promuovere una stretta cooperazione economica, culturale e sociale su basi di uguaglianza fra gli ex-domini britannici.
Man mano che le ex-colonie ottenevano l’indipendenza, si accrescevano le dimensioni del Commonwealth, anche se non tutte le ex-colonie vi aderirono.
Attualmente il Commonwealth delle Nazioni è formato da 54 Stati, dei quali 16 hanno come capo dello stato il sovrano del Regno Unito (nel 2020 Elisabetta II), 30 sono repubbliche e 6 sono regni con un proprio sovrano.

Appendice I:
Territori dell’Impero Britannico nel 1922 (Con i nomi dell’epoca):
Africa:
Africa del Sud-ovest, Basutoland, Bechiuania, Camerun britannico, Costa d’Oro, Egitto, Gambia, Kenya, Isole Mauritius, Isole Seychelles, Nigeria, Nyassaland, Rhodesia del Nord, Rhodesia del Sud, Sant’Elena, Sierra Leone, Somalia britannica, Sudan britannico, Swaziland, Tanganika e Zanzibar, Uganda, Unione Sudafricana.
Asia:
Aden e Hadramaut, Bahrein, Brunei, Ceylon, Federazione Malese, Hong Kong, Impero Indiano (India, Pakistan e Birmania), Iraq, Kuwait, Maldive, Oman, Palestina, Qatar, Singapore, Stati della Tregua, Territori Britannici dell’Oceano Indiano, Transgiordania.
America:
Canada (compresa Terranova), Honduras britannico, Giamaica, Bahamas, Antigua e Barbuda, Barbados, Dominica, Grenada, San Kitts e Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Trinidad e Tobago, Isole Cayman, Isole Vergini britanniche, Turks e Caicos, Falkland e dipendenze, Guyana britannica, Montserrat, Isole Sandwich e dipendenze.
Europa:
Regno Unito, Cipro, Malta, Gibilterra.
Oceania:
Australia, Nuova Zelanda, Isole Figi, Isole Cook, Isole Fenice, Isole Gilbert ed Ellice, Pitcairn, Nauru, Nuove Ebridi, Papuasia e Nuova Guinea, Samoa Orientali, Tokelau, Tonga, Tuvau.

Appendice II:
Membri del Commonwealth delle Nazioni nel 2020:
Antigua e Barbuda, Australia, Bahamas, Bangladesh, Barbados, Belize, Botswana, Brunei, Camerun, Canada, Cipro, Dominica, Figi, Gambia, Ghana, Giamaica, Grenada, Guyana, India, Kenya, Kiribati, Lesotho, Malawi, Malaysia, Maldive, Malta, Maurizio, Mozambico, Namibia, Nauru, Nigeria, Nuova Zelanda, Pakistan, Papua Nuova Guinea, Regno Unito, Ruanda, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Isole Salomone, Samoa, Seychelles, Sierra Leone, Singapore, Sri Lanka, Sudafrica, Swaziland, Tanzania, Tonga, Trinidad e Tobago, Tuvalu, Uganda, Vanuatu, Zambia.
Nota: Mozambico e Ruanda non erano colonie inglesi, ma hanno aderito al Commonwealth.

Appendice III:
Stati del Commonweath che hanno come capo dello stato il sovrano del Regno unito nel 2020:
Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda, Canada, Papua e Nuova Guinea, Isole Salomone, Giamaica, Antigua e Barbuda, Bahamas, Belize, Grenada, Saint Kitts e Nevis, Saint Vincent e Grenadine, Saint Lucia, Tuvalu.

Informazioni su giuseppemerlino

Ingegnere Chimico
Questa voce è stata pubblicata in MIX e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.