EBREI, POPOLO ELETTO. INTERPRETAZIONE GNOSTICA

“Tu sei infatti un popolo consacrato a YHWH (Yahweh) tuo Dio e Dio ti ha scelto, perché tu fossi il suo popolo privilegiato, fra tutti i popoli che sono sulla terra”. (Deuteronomio 14.2)

Prima di riportare l’interpretazione gnostica, è bene chiarire cosa significa che gli Ebrei sono il popolo eletto da Dio.
In Genesi 12, Dio si rivolge così ad Abramo, che viveva nella città sumera di Ur.
“Il Signore disse ad Abramo : Vattene dal tuo paese, dalla tua patria e dalla casa di tuo padre, verso il paese che io ti indicherò. Farò di te un grande popolo e ti benedirò, renderò grande il tuo nome e diventerai una benedizione. Benedirò coloro che ti benediranno e coloro che ti malediranno maledirò”.
Da allora il Dio della Bibbia guidò e difese il popolo ebraico nella sua conquista della “Terra Promessa” partecipando di persona a numerose guerre e battaglie e compiendo personalmente stragi di nemici come possiamo leggere nei libri biblici di Giosuè, Ezechiele, Geremia, Siracide, Isaia ed altri.
In difesa del suo popolo eletto, il Dio della Bibbia non esitava dunque ad essere spietato e crudele. Qui ricorderemo solo l’uccisione di tutti i primogeniti d’Egitto :
“A mezzanotte il Signore percosse ogni primogenito nel paese d’Egitto, dal primogenito del Faraone che siede sul trono fino al primogenito del prigioniero nel carcere sotterraneo, e tutti i primogeniti del bestiame. Si alzò il Faraone nella notte e con lui i suoi ministri e tutti gli Egiziani; un grande grido scoppiò in Egitto, perché non c’era casa dove non ci fosse un morto!”. (Esodo, 12, 29-30).
Più volte questo terribile Dio ha ribadito la scelta degli Ebrei come popolo eletto. Per non annoiare il lettore, qui riporteremo solo due passi:
“Tu sei infatti un popolo consacrato a YHWH (Yahweh) tuo Dio e Dio ti ha scelto, perché tu fossi il suo popolo privilegiato, fra tutti i popoli che sono sulla terra”. (Deuteronomio 14.2)
“Il Signore si è legato a voi e vi ha scelti, non perché siete più numerosi di tutti gli altri popoli, siete infatti il più piccolo di tutti i popoli, ma perché il Signore vi ama e perché ha voluto mantenere il giuramento fatto ai vostri padri”.(Deuteronomio 7.7-8).
Veniamo ora alla interpretazione gnostica di questa questione.
Ricordiamo che, per lo Gnosticismo, il Dio della Bibbia, il Demiurgo, è una divinità inferiore, crudele, gelosa, arrogante ed ignara di tutto ciò che è al di sopra di lei.
Sempre secondo lo Gnosticismo, Cristo sarebbe disceso in questo mondo, regno del male, dominato dalla legge spietata del Dio della Bibbia, per far conoscere il Padre Nascosto, il vero Dio, ben al di sopra ed estraneo alla creazione del Dio del Vecchio Testamento, considerata un aborto.
Sempre secondo l’interpretazione Gnostica, il terribile Demiurgo, Dio degli ebrei, attraverso il suo popolo eletto, fece Uccidere il Cristo.
Nell’ottica gnostica dunque il popolo ebreo è il popolo eletto attraverso il quale il Demiurgo domina il mondo, popolo al quale si contrappongono gli gnostici, stranieri in questo mondo, cioè quei pochi uomini che posseggono la scintilla della Sapienza Divina (Sophia) del Padre Nascosto, Dio Inconoscibile.
Il fatto che successivamente il Cristianesimo e l’Islam abbiano adottato come Dio proprio il Demiurgo del Vecchio Testamento sarebbe solo una conferma nel successo di quest’ultimo nel dominio del nostro mondo.

Informazioni su giuseppemerlino

Ingegnere Chimico
Questa voce è stata pubblicata in ESOTERISMO e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.