CROCIATE, GUERRE DI CONQUISTA O DI DIFESA ?

Purtroppo la Storia viene manipolata a seconda delle idee politiche, delle mode di pensiero, della “cultura” dominante etc …
Poche sono le persone che si prendono la briga di esaminare i documenti storici in nostro possesso.
Gli stessi fatti storici vengono valutati ora come positivi, ora come negativi, a seconda dell’epoca in cui vengono descritti.
Ecco che ora in Occidente è nato il “complesso” delle Crociate: il multiculturalismo dominante ci impone di vederle come guerre di conquista e di sopraffazione. Ma quali sono state le reali motivazioni della prima Crociata ?
Facciamo subito la premessa che nella giurisprudenza musulmana (Fiqh), derivata direttamente dal Corano, il mondo è diviso in Dar al-Islam (letteralmente “dimora dell’Islam”), dove i Mussulmani governano e vige la Sharia (legge islamica), e Dar al-Harb (letteralmente “dimora della guerra”), cioè il campo di guerra dove vivono gli infedeli.
Sempre secondo la Fiqh, prima o poi, tutto il mondo dovrà diventare Dar al-Islam, attraverso la jihad (guerra santa).
Questo concetto è stato alla base dell’enorme espansione dell’impero arabo prima e dell’impero ottomano dopo.
Una delle primissime conquiste islamiche fu, nel 637 d.C., la città di Gerusalemme con tutta la Terra Santa, strappata all’Impero Bizantino (cristiano).
Gerusalemme, città santa per gli Ebrei ed in seguito anche per i Cristiani, era infatti da secoli parte dell’Impero Romano prima e dell’Impero Romano d’Oriente (Impero Bizantino) poi.
Fin dall’editto di Costantino (313 d.C.) che concedeva libertà di culto ai Cristiani e soprattutto dall’editto di Teodosio (380 d.C) che dichiarò il Cristianesimo “religione di stato”, i Cristiani di Gerusalemme, ed i numerosi pellegrini che giungevano in Terra Santa, potevano liberamente esercitare la loro fede.
Questa situazione continuò anche sotto la dominazione araba durante la quale i Cristiani ed i pellegrini venivano “tollerati”, ma non perseguitati.
Le cose cambiarono improvvisamente quando i Turchi Selgiuchidi (Musulmani Sunniti) iniziarono la loro espansione in tutta la Terra Santa che culminò con la conquista di Gerusalemme nel 1076.
I Turchi Selgiuchidi continuarono la loro avanzata verso l’Impero d’Oriente (che, ricordiamo, cadde completamente nelle loro mani nel 1453, con la caduta di Bisanzio-Costantinopoli) e l’Imperatore di Oriente Alessio Comneno lanciò una esplicita richiesta di aiuto al Papa Urbano II ed a tutto l’Occidente latino.
La situazione precipitò quando i Turchi Selgiuchidi cominciarono a vessare le carovane dei pellegrini cristiani d’oriente e d’occidente, che per secoli si erano recate senza particolari difficoltà in pellegrinaggio nei Luoghi Santi della Cristianità.
Avvennero rapine, sequestri, uccisioni, stupri di pellegrini e la notizia cominciò a diffondersi presto in Occidente grazie ai pellegrini che riuscivano a tornare indietro.
Inoltre, in seguito ad altre sconfitte dell’esercito bizantino che perdeva terreno ogni giorno, si cominciò a diffondere in Occidente il terrore per l’avanzata islamica nella nuova feroce veste dei turchi e si diffondeva la consapevolezza che si stesse per verificare una terribile catastrofe per tutta l’Europa.
Furono queste le motivazioni, e non certo un desiderio di conquista, che indussero il Papa Urbano II a lanciare l’ “appello di Clermont” col quale supplicava la nobiltà francese ad accorrere in aiuto dell’Impero Bizantino.
L’appello fu poi accolto anche dai grandi feudatari del resto d’Europa, che, tra il 1095 ed il 1096, si apprestarono a partire con tutto il loro seguito.
Il resto è storia nota, con tutti il lati tragici ed oscuri di tutte le guerre, compreso il funesto episodio della “Crociata dei poveri” che, precedendo la Prima Crociata, compì varie atrocità e violenze gratuite contro i non cristiani (soprattutto ebrei) all’interno dei confini dell’Impero Bizantino e non raggiunse mai Gerusalemme.
La motivazione delle crociate successive alla prima è molto semplice:
la Prima Crociata conquistò gradualmente tutta la Terra Santa ed infine Gerusalemme nel 1099.
In Terra Santa nacquero numerosi regni latini cristiani con la finalità principale di difendere cristiani locali e pellegrini. Questi regni erano costantemente in pericolo e la stessa Gerusalemme fu riconquistata dai turchi di Saladino nel 1187.
La caduta di Gerusalemme fece grande impressione in Occidente e si diffuse di nuovo in Europa il terrore di una nuova avanzata dei Turchi.
Tutte le Crociate successive furono dunque indette nel tentativo (mai riuscito) di riconquistare Gerusalemme e, soprattutto, per correre in aiuto dei regni latini cristiani di Terra Santa.

Informazioni su giuseppemerlino

Ingegnere Chimico
Questa voce è stata pubblicata in CONTROINFORMAZIONE e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.