LA SOCIETA’ DELLE FORMICHE

La società delle formiche è estremamente complessa ed articolata. A capo della comunità vi è una femmina chiamata regina che ha il compito esclusivo della riproduzione e della deposizione delle uova.
Tutte le altre femmine sono suddivise in operaie e soldati. Le prime hanno il compito di cercare il cibo, di trasportarlo nel formicaio, di accudire la regina e di occuparsi delle larve. Le seconde hanno il compito esclusivo di difendere la comunità dagli attacchi esterni, ma, in caso di bisogno, anche le operaie partecipano a questa attività.
I maschi sono pochi, nascono solo in determinati periodi dell’anno e muoiono dopo l’accoppiamento con la regina. Questa poi deporrà migliaia di uova.
Ogni individuo della comunità ha come unico scopo il benessere della comunità.
Le formiche comunicano tra di loro tramite i feromoni, sostanze chimiche in grado di suscitare determinate reazioni comportamentali. Le informazioni tra due individui vengono scambiate attraverso delle sensibilissime antenne di cui le formiche sono dotate. Quando due formiche si incontrano, si fermano sempre per scambiarsi informazioni tramite lo strofinio delle antenne.
I feromoni sono fondamentali nella ricerca del cibo: quando un esploratore ha trovato il cibo, lascia tracce di feromone lungo tutto il percorso, sulla via del ritorno al formicaio. Subito dal formicaio parte una lunga fila di formiche operaie per prelevare il cibo trovato ed ognuna di esse ne trasporterà una piccola parte al formicaio. Le formiche possono trasportare oggetti anche molto più pesanti di loro.
In questa attività le formiche si allontanano anche a notevoli distanze dal formicaio, sempre facendosi guidare dalle tracce di feromone.
I feromoni vengono utilizzati dalle formiche anche per segnalare la presenza di pericoli. In tal caso la fila di formiche cambia immediatamente il proprio percorso.
La sede della complessa società delle formiche è il formicaio. Questo è formato da un complesso di camere disposte su più piani e comunicanti tra di loro tramite gallerie. Queste camere hanno usi specializzati: vi sono camere destinate al riposo delle formiche (anche le formiche dormono), quando non sono impegnate in attività esterne o interne al formicaio. Altre camere sono destinate a contenere le uova, altre le larve, altre ancora sono depositi di cibo.
Nella parte più profonda e sicura del formicaio c’è la camera della regina, accudita da uno stuolo di operaie.
Le entrate del formicaio sono costantemente sorvegliate da formiche soldato che controllano tutti gli individui che entrano o escono. Altri gruppi di formiche soldato controllano e pattugliano costantemente tutta la zona esterna adiacente al formicaio.
Alcune specie di formiche praticano all’interno del formicaio anche una forma di agricoltura coltivando particolari specie di funghi che bagnano continuamente con la saliva e concimano con pezzettini di foglie.
Purtroppo nei formicai di alcune specie di formiche più aggressive è praticata anche la schiavitù: i soldati attaccano i formicai vicini e rubano le larve dalle quali nasceranno i futuri schiavi.
Conclusione: prima di uccidere una formica pensiamoci due volte….

Informazioni su giuseppemerlino

Ingegnere Chimico
Questa voce è stata pubblicata in SCIENZA e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.