LE APPARIZIONI DI FATIMA ED IL TERZO SEGRETO

Indubbiamente gli avvenimenti che avvennero in Portogallo a Fatima nel 1917 sono uno dei fatti più misteriosi avvenuti nella storia dell’Umanità. Bisogna ammettere che c’è un’altissima probabilità che i fatti siano realmente accaduti, sopratutto considerando che almeno 50.000 testimoni hanno assistito ad un inquietante fenomeno avvenuto nel corso dell’ultima apparizione. Resta del tutto aperta la discussione sulla natura di questi avvenimenti, sopratutto da parte di chi non si riconosce nella Chiesa Cattolica. Quest’ultima, nel 1930, dichiarò ufficialmente che i fatti avvenuti erano degni di credenza.
Gli avvenimenti consistono in sei apparizioni della Madonna, il 13 di ogni mese, dal 13 Maggio 1917 al 13 Ottobre dello stesso anno.
In queste occasioni, la “Donna vestita di bianco” appariva a tre bambini: i fratellini Francisco e Giacinta Marto, rispettivamente di nove e sette anni e Lucia dos Santos, di 10 anni.
Nella prima apparizione i bambini videro una nube discendere dal cielo. Quando la nube raggiunse terra, si diradò ed apparve la signora vestita di bianco che i bambini identificarono nella Madonna. La Signora disse ai bambini che sarebbe riapparsa loro nello stesso luogo il 13 del mese successivo nello stesso luogo e dette loro questo appuntamento anche nelle apparizioni successive.
Nella prima apparizione la Donna disse ai bambini spaventati: “non abbiate paura, non voglio farvi del male”. Lucia chiese: “da dove venite, Signora?”; “vengo dal Cielo”, fu la risposta. La Signora aggiunse di recitare il Rosario affinchè la prima guerra mondiale avesse termine.
Nella seconda visione, la Donna disse a Lucia che Francesco e Giacinta sarebbero presto morti (come infatti avvenne per la terribile epidemia di Spagnola che colpì il Portogallo nel 1919-20) e che Lucia sarebbe invece sopravvissuta per far conoscere al mondo ciò che aveva visto. Inoltre mostrò ai bambini il suo cuore ferito da spine pungenti.
Nella terza visione la Signora disse a Lucia, che si lamentava di essere maltrattata perchè non creduta, di offrire le sue sofferenze per la conversione dei peccatori. Dopo di ciò mostrò ai bambini la famosa visione dell’Inferno che Lucia così trascrisse nei suoi appunti: “La Madonna ci mostrò un grande mare di fuoco, che sembrava stare sotto terra. Immersi in quel fuoco, i demoni e le anime, come se fossero braci trasparenti e nere o bronzee, con forma umana che fluttuavano nell’incendio, portate dalle fiamme che uscivano da loro stesse insieme a nuvole di fumo, cadendo da tutte le parti simili al cadere delle scintille nei grandi incendi, senza peso né equilibrio, tra grida e gemiti di dolore e disperazione che mettevano orrore e facevano tremare dalla paura. I demoni si riconoscevano dalle forme orribili e ributtanti di animali spaventosi e sconosciuti, ma trasparenti e neri. Questa visione durò un momento”
Questa visione costituisce quello che viene definito il primo segreto di Fatima al quale alcuni ritengono di aggiungere la previsione della morte di Francesco e Giacinta fatta nella seconda apparizione.
Poi la Signora disse (secondo segreto): ” Avete visto l’inferno dove cadono le anime dei poveri peccatori. Per salvarle, Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al Mio Cuore Immacolato. Se faranno quel che vi dirò, molte anime si salveranno e avranno pace. La guerra sta per finire; ma se non smetteranno di offendere Dio, durante il Pontificato di Pio XI ne comincerà un’altra ancora peggiore. Quando vedrete una notte illuminata da una luce sconosciuta, sappiate che è il grande segno che Dio vi dà che sta per castigare il mondo per i suoi crimini, per mezzo della guerra, della fame e delle persecuzioni alla Chiesa e al Santo Padre. Per impedirla, verrò a chiedere la consacrazione della Russia al Mio Cuore Immacolato e la Comunione riparatrice nei primi sabati. Se accetteranno le Mie richieste, la Russia si convertirà e avranno pace; se no, spargerà i suoi errori per il mondo, promuovendo guerre e persecuzioni alla Chiesa. I buoni saranno martirizzati, il Santo Padre avrà molto da soffrire, varie nazioni saranno distrutte. Finalmente, il Mio Cuore Immacolato trionferà. Il Santo Padre mi consacrerà la Russia, che si convertirà, e sarà concesso al mondo un periodo di pace”.
In effetti l’anno prima dell’inizio della seconda guerra mondiale vi fu in Portogallo nella notte tra il 24 ed il 25 Gennaio una spettacolare aurora boreale che illuminò il cielo.
La Russia fu consacrata al Cuore Immacolato di Maria da Pio XII nel 1952 e successivamente da Giovanni Paolo II nel 1982 e nel 1984. Dopo un po’ il Comunismo scomparve dalla faccia della Terra in modo quasi inspiegabile.
A commento di queta terza apparizione, Lucia scrisse: ” lo scoppio di una guerra atea, contro la fede, contro Dio, contro il popolo di Dio. Una guerra che voleva sterminare il giudaismo da dove provenivano Gesù Cristo, la Madonna e gli Apostoli che ci hanno trasmesso la parola di Dio ed il dono della fede, della speranza e della carità, popolo eletto da Dio, scelto fin dal principio: “la salvezza viene dai giudei”
In questa apparizione la Signora comunicò a Lucia anche quello che poi venne chiamato il terzo segreto di Fatima di cui parleremo dopo.
Molta gente cominciava a recarsi sul luogo delle apparizioni: a questa terza apparizione parteciparono circa 5000 persone che però non videro nulla, così come accadde per tutte le altre apparizioni, tranne l’ultima.
La quarta apparizione sarebbe dovuta avvenire il 13 Agosto, ma i bambini erano stati imprigionati. Ciò nonostante l’apparizione avvenne il 19 di quel mese, dopo che i bambini erano stati liberati. In questa apparizione, a Lucia che si lamentava di non essere creduta, la Signora promise che ad ottobre avrebbe dato un Segno.
Alla quinta apparizione erano presenti circa 30.000 persone, tra cui molti ammalati ed alcune di loro dissero di aver visto un globo di luce discendere dal Cielo.
L’ultima apparizione avvenne il 13 Ottobre del 1917. Erano presenti tra 50.000 e 70.000 persone venute da tutto il Portogallo. In questa occasione la Signora annunciò a Lucia che la prima guerra mondiale stava per finire e chiese di far costruire una cappella sul luogo delle apparizioni. Poi dette quel segno spettacolare finalmente visibile a tutti: il Sole cominciò a volteggiare, fu visibile ad occhio nudo, dopodiché sembrò cadere sulla folla atterrita, fermarsi di colpo e risalire al cielo.
Prima di parlare del terzo segreto vorremmo fare una considerazione: noi viviamo su di un minuscolo pianeta che ruota attorno ad una dei 200 miliardi di stelle che formano una Galassia che è solo una dei miliardi di galassie che compongono l’Universo. Ciò che avviene su questo insigificante pianeta non conta nulla nell’economia dell’Universo. Per cui, prima di indagare sul fenomeno di Fatima, dobbiamo chiederci che tipo di entità si sia lì manifestata: planetaria o qualcosa di più?
Il terzo segreto di Fatima fu messo per iscritto da suor Lucia solo nel 1944. Lucia era molto restia a scrivere il segreto e chiese un ordine scritto del Vescovo di Leira in Portogallo. La busta sigillata fu custodita dal Vescovo di Leira fino al 1957 quando fu consegnata all’archivio segreto del Sant’Uffizio.
Lucia dice che la Signora ordinò che il segreto dovesse essere pubblicato nel 1960, ma tutti i Papi che lo lessero negli anni successivi si rifiutarono di pubblicarlo. Purtroppo l’8 febbraio 1960, improvvisamente si apprese da un semplice comunicato stampa che il Terzo Segreto di Fatima non sarebbe stato rivelato.
Questo fu il comunicato stampa:
“Benché la Chiesa riconosca le apparizioni di Fatima, essa non desidera assumersi la responsabilità di garantire la veridicità delle parole che i tre pastorelli dissero che furono indirizzate loro dalla Vergine Maria”
Anche altri alti prelati ebbero occasione di leggerne il testo e forse sono stati loro la fonte di quel poco che si sapeva prima della sua pubblicazione ufficiale nel 2000 autorizzata da papa Giovanni Paolo II. Certo è che questa versione ufficiale è assai discordante da quel poco che si sapeva prima. Ecco la versione ufficiale:
“Dopo le due parti che già ho esposto, abbiamo visto al lato sinistro di Nostra Signora un poco più in alto un Angelo con una spada di fuoco nella mano sinistra; scintillando emetteva fiamme che sembrava dovessero incendiare il mondo; ma si spegnevano al contatto dello splendore che Nostra Signora emanava dalla sua mano destra verso di lui: l’Angelo indicando la terra con la mano destra, con voce forte disse: Penitenza, Penitenza, Penitenza! E vedemmo in una luce immensa che è Dio: (qualcosa di simile a come si vedono le persone in uno specchio quando vi passano davanti); un Vescovo vestito di Bianco (abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre) e vari altri Vescovi, Sacerdoti, religiosi e religiose salire una montagna ripida, in cima alla quale c’era una grande Croce di tronchi grezzi come se fosse di sughero con la corteccia; il Santo Padre, prima di arrivarvi, attraversò una grande città mezza in rovina e mezzo tremulo con passo vacillante, afflitto di dolore e di pena, pregava per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino; giunto alla cima del monte, prostrato in ginocchio ai piedi della grande Croce venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e frecce, e allo stesso modo morirono gli uni dopo gli altri i Vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose e varie persone secolari, uomini e donne di varie classi e posizioni. Sotto i due bracci della Croce c’erano due Angeli ognuno con un innaffiatoio di cristallo nella mano, nei quali raccoglievano il sangue dei Martiri e con esso irrigavano le anime che si avvicinavano a Dio”.
Mancano in questo testo due frasi che erano trapelate precedentemente, sopratutto attraverso il cardinale Sodano:
1) “cade a terra come morto” (per cui prima si pensava che il terzo segreto riguardasse l’attentato al papa Giovanni Paolo II)
2) “la Chiesa Cattolica sopravviverà in Portogallo ed altre nazioni” (il che peraltro stava ad indicare che altrove non sarebbe sopravvissuta).
Questo testo pare avere niente in comune col testo del terzo segreto che il Vaticano aveva inviato ad alcuni capi di stato negli anni ’50, testo che era stato reso noto grazie a un’indiscrezione diplomatica, e mai smentito dalla Santa Sede:
“Non aver timore, cara piccola. Sono la Madre di Dio, che ti parla e ti domanda di rendere pubblico il presente Messaggio per il mondo intero. Ciò facendo, incontrerai forti resistenze. Ascolta bene e fa’ attenzione a quello che ti dico:
Gli uomini devono correggersi. Con umili suppliche, devono chiedere perdono dei peccati commessi e che potrebbero commettere. Tu desideri che Io ti dia un segno, affinché ognuno accetti le Mie Parole che dico per mezzo tuo, al genere umano. Hai visto il Prodigio del Sole, e tutti, credenti, miscredenti, contadini, cittadini, sapienti, giornalisti, laici, sacerdoti, tutti lo hanno veduto. Ora proclama a Mio Nome:
Un grande castigo cadrà sull’intero genere umano, non oggi, né domani, ma nella seconda metà del Secolo XX. Lo avevo già rivelato ai bambini Melania e Massimino, a “La Salette”, ed oggi lo ripeto a te, perché il genere umano ha peccato e calpestato il Dono che avevo fatto. In nessuna parte del mondo vi è ordine, e satana regna nei più alti posti, determinando l’andamento delle cose. Egli effettivamente riuscirà ad introdursi fino alla sommità della Chiesa; egli riuscirà a sedurre gli spiriti dei grandi scienziati che inventano le armi, con le quali sarà possibile distruggere in pochi minuti gran parte dell’umanità. Avrà in potere i potenti che governano i popoli, e li aizzerà a fabbricare enormi quantità di quelle armi. E, se l’umanità non dovesse opporvisi, sarò obbligata a lasciar libero il braccio di Mio Figlio. Allora vedrai che Iddio castigherà gli uomini con maggior severità che non abbia fatto con il diluvio.
Verrà il tempo dei tempi e la fine di tutte le fini, se l’umanità non si convertirà; e se tutto dovesse restare come ora, o peggio, dovesse maggiormente aggravarsi, i grandi e i potenti periranno insieme ai piccoli e ai deboli. Anche per la Chiesa, verrà il tempo delle Sue più grandi prove. Cardinali, si opporranno a Cardinali; Vescovi a Vescovi. Satana marcerà in mezzo alle Loro file, e a Roma vi saranno cambiamenti. Ciò che è putrido cadrà, e ciò che cadrà, più non si alzerà. La Chiesa sarà offuscata, e il mondo sconvolto dal terrore. Tempo verrà che nessun Re, Imperatore, Cardinale o Vescovo, aspetterà Colui che tuttavia verrà, ma per punire secondo i disegni del Padre mio.
Una grande guerra si scatenerà nella seconda metà del XX secolo. Fuoco e fumo cadranno dal Cielo, le acque degli oceani diverranno vapori, e la schiuma s’innalzerà sconvolgendo e tutto affondando. Milioni e Milioni di uomini periranno di ora in ora, coloro che resteranno in vita, invidieranno i morti. Da qualunque parte si volgerà lo sguardo, sarà angoscia, miseria, rovine in tutti i paesi. Vedi? Il tempo si avvicina sempre più, e l’abisso si allarga senza speranza. I buoni periranno assieme ai cattivi, i grandi con i piccoli, i Principi della Chiesa con i loro fedeli, e i regnanti con i loro popoli. Vi sarà morte ovunque a causa degli errori commessi dagl’insensati e dai partigiani di satana il quale allora, e solamente allora, regnerà sul mondo, in ultimo, allorquando quelli che sopravviveranno ad ogni evento, saranno ancora in vita, proclameranno nuovamente Iddio e la Sua Gloria, e Lo serviranno come un tempo, quando il mondo non era così pervertito.
Va, mia piccola, e proclamalo. Io a tal fine, sarò sempre al tuo fianco per aiutarti”
Resta in questo testo l’equivoco sulla datazione dei secoli: XX° o XXI° secolo? Perchè, se si tratta del secolo XX°, la guerra nucleare di cui si parla sarebbe stata scongiurata dalla consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria, mentre se si tratta del secolo XXI°, gli avvenimenti devono ancora avvenire.
In ogni caso la parte inquietante di questa seconda versione è quella che riguarda la Chiesa.
Ci sono poi voci insistenti che la versione ufficiale sarebbe quella giusta, ma che ad essa mancano 12 o 25 righe.
C’è poi la considerazione che l’ultima dichiarazione di Benedetto XVI che il fenomeno della pedofilia nella Chiesa è predetto dal terzo segreto, cotraddice tutte e due le versioni qui riportate. Queste le parole del Papa: “Oggi vediamo in modo terrificante che la più grande persecuzione della Chiesa viene dall’interno, dai peccati che ci sono dentro la Chiesa stessa, e non dai nemici fuori. Le attuali sofferenze della Chiesa, in conseguenza degli abusi su minori commessi da sacerdoti, fanno parte di quelle annunciate nel terzo segreto di Fatima”
Si deve poi osservare che una perizia calligrafica sul testo originale del terzo segreto scritto da suor Lucia, fatta dai Laboratori Forensi Speckin del Michigan, afferma senza ombra di dubbio che si tratta di un falso: la calligrafia del testo poi pubblicato dalla Chiesa non è di suor Lucia!
Circolano poi versioni ancora più fantasiose, che non riportiamo, che parlano dell’arrivo sul nostro pianeta di esseri provenienti dalle profondità dell’Universo.
L’ultima considerazione è che questo mistero è ancora ben lontano dall’essere chiarito e che questo mancato chiarimento è dovuto probabilmente a lotte intestine all’interno della Chiesa, alle quali pare non sia estranea la famigerata Banca Vaticana.
Infatti, quando Giovanni Paolo I era ancora cardinale incontrò Lucia dos Santos che lo avvertì che se avesse rivelato il Terzo Segreto di Fatima lo avrebbero ucciso. Pare invece che il Papa volesse proprio renderlo pubblico, ma solo dopo aver messo ordine all’interno della istituzione vaticana. Ciò significava liquidare tutti coloro che erano coinvolti in affari illeciti, primo fra tutti, il cardinale Marcinkus. Solo allora tutto il mondo avrebbe potuto comprendere il vero significato del Segreto di Fatima e la sua importanza.
La mia opinione personale è che la vera versione del terzo segreto non corrisponda a nessuna delle versioni ufficiali e non finora conosciute. Credo che esso riguardi gli errori dottrinali della Chiesa Cattolica e gli ultimi Papi, per cui temo che la verità non uscirà mai dai sotterranei del Vaticano.

Informazioni su giuseppemerlino

Ingegnere Chimico
Questa voce è stata pubblicata in RELIGIONI e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.