I GIOVANI DI OGGI

I giovani sono il futuro del nostro pianeta e quale è la situazione dei giovani, sopratutto in Occidente?
Essi sono caratterizzati da un vuoto totale, dovuto a vari fattori. La Scuola ormai non serve più a dare una cultura, ma solo ad imparare un mestiere, per cui l’ignoranza è sempre più diffusa. La mancanza anche di una minima conoscenza dei grandi temi del pensiero umano sprofonda i giovani d’oggi in uno stato di insoddisfazione perenne. Questa è la causa della grande diffusione tra di essi di droghe leggere e pesanti che, alla lunga, creano una trasformazione del cervello che sarà determinante per il futuro dell’umanità.
L’assenza totale della conoscenza dei grandi sistemi filosofici e la completa ignoranza della posizione dell’Uomo nell’Universo li porta a credere che la loro persona abbia una particolare importanza. Da qui lo scopo principale della loro vita: il “divertimento”: se il giovane il giorno prima si è “divertito”, lo troveremo in uno stato di estrema soddisfazione; nel caso contrario lo troveremo in uno stato di estrema depressione.
A causa di questo vuoto intellettuale, sono facili prede del sistema consumistico: il non possedere l’oggetto alla moda (spesso completamente inutile) che ha l’amico, provoca nel giovane uno stato di insoddisfazione totale.
Altra caratteristica di questa particolare generazione sono i fenomeni di isteria collettiva come quelli che si osservano ai concerti delle Star di turno, nelle discoteche (dove dominano incontrastati alcool e droga) e nel “tifo” allo stadio di calcio.
Il sogno dominante per il futuro è il possesso del “denaro”, unico Dio incontrastato di questa generazione.
I nostri giovani hanno completamente cancellato dal loro cervello l’idea della Morte (pensiero centrale di tutte le grandi civiltà tradizionali) e vivono come se dovessero essere eterni.
In conclusione: i giovani sono il futuro dell’Umanità ed il futuro non è roseo.

Informazioni su giuseppemerlino

Ingegnere Chimico
Questa voce è stata pubblicata in CONTROINFORMAZIONE e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.