CRISTIANESIMO ED ANIMALI

La scarsa diffusione della cultura scientifica fa si che sia diffusa la credenza che l’uomo sia diverso dagli altri animali che popolano questo pianeta. Una grande responsabilità nella diffusione di tale convinzione è delle tre Religioni “elementari” (Cristianesimo, Islam ed Ebraismo) che si basano sul concetto puerile di un Dio “Personale”. In particolare la Bibbia è piena di episodi di sacrifici e torture inflitte agli animali: Il Dio della Bibbia gradisce il profumo degli animali sgozzati e bruciati per Lui: Buoi, pecore, capri, tortore venivano uccisi senza pietà. La credenza nell’esistenza dell’anima ha un postulato piuttosto singolare: solo l’uomo è “dotato” di anima e gli animali no! Nella Genesi si dice che nel sesto giorno vengono creati da questo Dio antropomorfo gli animali e poi l’uomo, destinato a dominare su di loro, come su tutto il creato. Viene da pensare che questo Dio non conosceva l’immensità sconfinata dell’Universo e credeva che questo nostro piccolo insignificante pianeta fosse tutto il creato, in barba a tutte le conoscenze della Astrofisica moderna e, per quanto riguarda i nostri amici animali, della Teoria della evoluzione. D’altro canto la Chiesa non era tenera neanche con gli esseri umani: Giordano Bruno fu bruciato vivo solo per aver postulato la verità scientifica dell’ infinità dei mondi possibili.
Noi ora sappiamo bene che l’uomo, così come gli altri abitanti di questo pianeta, non contano niente nell’economia dell’Universo: viviamo tutti su di un minuscolo pianeta insignificante che insieme ad altri otto pianeti ruota attorno ad una stella che si trova alla periferia di una galassia formata da 200 miliardi di stelle e le galassie (molte ben più grandi della nostra) sono miliardi nell’universo. Dunque la causa fondamentale delle torture, soprusi, maltrattamenti,uccisioni che subiscono i nostri amici animali derivano da una profonda ignoranza. Quante volte ho dovuto sentire la frase “tanto è un animale”. Fortunatamente diverso è l’atteggiamento di un miliardo e mezzo di esseri umani che seguono il Buddismo e l’Induismo, religioni che si distinguono per il massimo rispetto che i loro fedeli hanno per gli animali: in questo ambiente è considerato peccato gravissimo l’uccisione di un animale. Chi conosce gli animali sa quanto grande è la loro intelligenza e sensibilità. Essi sarebbero incapaci di commettere alcune delle terribili azioni che gli esseri umani sono capaci di fare verso altri esseri umani. Mentre i Jainisti organizzavano ospedali per gli animali nel sesto secolo prima della nascita del Cristo e il Buddha predicava la compassione verso tutti gli esseri viventi nello stesso secolo, Pio IX, nel suo tempo, non permetteva la nascita di una organizzazione per la prevenzione della crudeltà verso gli animali. La ragione: l’uomo non ha doveri verso le bestie. Anche San Francesco, il più attento al problema della sofferenza animale, invitò un discepolo, che aveva tagliato le zampe di un porco vivo, a chiedere scusa al proprietario dell’animale per aver danneggiato la sua proprietà e non disse una parola per la bestia sofferente. Sant’ Agostino invece diceva: “Trattenersi dall’uccidere gli animali o distruggere piante è il colmo della superstizione”. Nei paesi italiani è frequente il caso dei parroci accaniti cacciatori: non si rendono conto che così i ministri di questo Dio giustificano l’omicidio per puro divertimento. Il gesuita tomista Viktor Katherin scrive. “Il bruto non possiede diritti di sorta. L’Uomo non ha alcun dovere verso i bruti. Come dovremmo avere dei doveri verso creature che possiamo a nostro capriccio fare a pezzi, arrostire e mangiare? Il motivo intrinseco è che l’animale non è persona ossia non è creatura ragionevole, sussistente per se, ma semplice mezzo per il nostro fine”. Si legge su “Famiglia Cristiana”: “Gli animali, che non sono esseri spirituali personali, non hanno diritti”. Nell’elenco degli sprechi del mondo occidentale i missionari Comboniani pongono tra le prime voci il cibo per animali. Si potrebbe continuare all’infinito, ma preferisco chiudere con l’augurio e la speranza che il progresso delle conoscenze scientifiche abbia presto ragione su superstizioni e religioni elementari e con una frase del Mahatma Gandhi: “Grandezza e progresso morale di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali”.

Informazioni su giuseppemerlino

Ingegnere Chimico
Questa voce è stata pubblicata in RELIGIONI e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.